Il post più visualizzato

Una casa di 100 mq a 100.000 euro... E' un progetto già visto!

Salva il clima con Prima Casa Passiva

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall’inizio della rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le consegu...

posa dell'isolante su Prima Casa PassivaLa temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall’inizio della rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all’ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. E questo è solo l’inizio. Questo problema non si è mai presentato in questa forma nel passato. Colpisce l’intero pianeta e mette a repentaglio la vita delle persone di tutti i paesi in tutti i continenti. Ma possiamo fare qualcosa per risolverlo. Non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell’atmosfera quantità eccessive di anidride carbonica (CO2 ) e di altri gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.


estudoquarto: Dettaglio Costruzione di Prima Casa Passiva
 Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi centigradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo. Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è stato illustrato nello studio di Greenpeace Energy Revolution (vedi retrocopertina). La verità è che abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei nostri metodi di generare l’energia, nel modo in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. I cambiamenti climatici sono una minaccia globale che richiede un’azione globale. Questo opuscolo viene pubblicato in molti paesi di tutto il mondo. Spiega ciò che possiamo fare tutti noi per proteggere il clima. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

PASSA ALL’AZIONE, PASSA ALL’EFFICIENZA ENERGETICA.

Scienziati e ingegneri concordano che possediamo già oggi la tecnologia per rendere l’industria compatibile con il clima. Fermare i cambiamenti climatici costerebbe solo l’equivalente dell’1% della produzione economica mondiale, mentre non fare niente sarebbe venti volte più costoso. Ma i climatologi ci dicono anche che il tempo a disposizione non è molto. Dobbiamo agire rapidamente per cambiare il modo di pensare a livello politico e industriale, oltre che la consapevolezza del problema nell’opinione pubblica. I prossimi dieci anni saranno cruciali.
[01] Informati meglio! Gli scienziati hanno scoperto che la consapevolezza dei cambiamenti
climatici e delle sue conseguenze contribuisce ad aumentare la disponibilità delle persone a fare
qualcosa.
[02] Inizia da te! Controlla la tua casa e le tue abitudini e comincia con alcune piccole correzioni.
Poi passa gradualmente a quelle più difficili. Questo opuscolo ti dice come puoi fare.
[03] Cerca di convincere altre persone a seguire il tuo esempio. Questo funziona meglio quando
hai adottato i due punti precedenti con piena convinzione. Inizia con la famiglia e gli amici,
passa poi ai colleghi di lavoro, al capo, ai compagni di scuola, al padrone di casa e così via...
[04] Protesta! Impegnati nella difesa del clima partecipando a un’iniziativa o alle attività di un partito
politico che ha questo tema nel proprio programma. Oppure organizza una manifestazione!
[05] Così ce la possiamo fare! Risparmiando energia e usandola in modo più efficiente e scegliendo
le forme di energia rinnovabile. Un’attività industriale e uno stile di vita rispettosi del
clima sono obiettivi realistici. Possiamo e dobbiamo proteggere il nostro pianeta dai cambiamenti
climatici. È l’unico che abbiamo!

RISPARMIA ENERGIA NELLA TUA CASA 
Prima Casa Passiva 30 cm di isolante
Per prima cosa, scaccia i “ladri di energia” da casa tua! Un gran numero di elettrodomestici consuma molta più energia di quanto sia necessario – anche quando sono spenti. Puoi cambiare tutto questo acquistando con attenzione e adottando pochi semplici accorgimenti: sia i tuoi conti casalinghi che quelli climatici saranno assai più sostenibili. 
[01] Acquista i prodotti a maggior efficienza energetica. Cerca quelli col marchio di risparmio energetico e verifica cosa voglia realmente dire! I nuovi apparecchi dovrebbero avere un tasto di spegnimento che li distacchi totalmente dalla corrente, oppure dovrebbero consumare non più di 1 watt in modalità standby. [02] Fai un favore al tuo PC e lascialo riposare un po’. Seleziona il tasto “idle” (guarda le istruzioni: serve a mettere in riposo la macchina) non appena finisci di lavorarci e otterrai così un consumo energetico realmente basso. E inoltre, staccalo dalla corrente quando lo spegni. A proposito: gli schermi piatti e i notebook sono davvero efficienti a livello energetico. [03] Limita il consumo dello standby! Hi-fi, apparecchi tv, videoregistratori, PC e tutti gli accessori annessi continuano a consumare elettricità anche se in modalità standby. I costi per una casa media possono arrivare a circa 130 euro l’anno. Perciò: stacca la spina o usa una presa multipla che ti permetta di spegnere tutto con un solo interruttore. [04] Usa lampade CFL a risparmio energetico. Riducono i consumi di energia di circa l’80%. (Attenzione: le lampade fluorescenti compatte, o CFL, contengono mercurio e non devono essere gettate insieme ai comuni rifiuti domestici). In tutti gli altri casi: luci spente nelle stanze se non servono! [05] Non lasciare inseriti caricabatterie e trasformatori. Continuano a consumare elettricità anche quando non vengono usati. Molte volte, ma non sempre, puoi verificarlo sentendo quanto sono caldi. Quindi, stacca il caricabatterie del tuo cellulare, i lettori MP3, le videocamere digitali e i trasformatori delle lampade alogene e degli apparecchi domestici.

RISPARMIA ENERGIA NELLA TUA CUCINA

[01] Attenzione all’energia che consumi! Lascia il coperchio sulla pentola; usa meno acqua per cuocere uova e verdure; utilizza una pentola a pressione; non pre-riscaldare il forno; se hai una cucina elettrica, spegni le piastre e il forno prima e lascia che il cibo finisca di cucinarsi senza spendere nulla. Tu hai qualche altra idea? [02] Elimina gli apparecchi divoratori di energia e verifica i consumi energetici dei nuovi elettrodomestici prima di comprarne uno. I vecchi frigoriferi sono molto inefficienti e restano accesi 24 ore su 24. Acquista soltanto gli apparecchi a maggiore efficienza energetica (in Europa: le categorie A+ o A++). [03] Posiziona il tuo frigo lontano da fonti di calore: mai vicino ai fornelli, al riscaldamento o al sole. Se possibile, in una dispensa non riscaldata. Assicurati che le guarnizioni siano intatte, lascia le griglie aperte e mantieni i fori di ventilazione senza polvere. [04] Sbrinalo con regolarità. Frigoriferi e freezer consumano più energia quando ghiacciano. Perciò sbrinali di tanto in tanto, per esempio quando vai in vacanza. (Ma non dimenticare di pulirli bene, altrimenti possono creare la muffa). [05] Non riscaldare mai l’acqua sulla piastra elettrica. I bollitori elettrici sono abbastanza efficienti, ma riscaldare l’acqua sui fornelli a gas è ancora più efficiente. Non dimenticare che riscaldare l’acqua consuma molta energia perciò non riscaldarne mai più del necessario.

RISPARMIA ENERGIA NEL TUO BAGNO

[01] Fai una doccia veloce al posto di un bagno. Chiudi il rubinetto mentre t’insaponi. Scegli una breve canzone da cantare o fischiettare. Quando sarà finita è ora di lasciare la doccia. Installa anche un riduttore di flusso per la doccia che ti permetta di risparmiare l’acqua, dimezzando così i consumi di acqua ed energia. [02] Installa i pannelli solari. Nelle zone temperate, uno spazio di soli 1,5-2 metri quadrati per persona è sufficiente per riscaldare il 60% dell’acqua necessaria per la doccia e per lavarsi. Nelle regioni soleggiate si può raggiungere il 100%. I pannelli valgono molto più di quanto costano: chiedi informazioni al tuo tecnico del riscaldamento. [03] Risparmia sul bucato. Lava a basse temperature e dimentica il prelavaggio. Il normale bucato uscirà perfettamente pulito e il tuo consumo di energia si ridurrà di più dell’80%. Lava sempre a pieno carico. E se puoi collega la tua lavatrice all’acqua calda. [04] Appendi il tuo bucato ad asciugare. Le asciugatrici consumano tantissima energia. Una famiglia di quattro persone che rinuncia all’asciugatrice risparmierà 480 chilowattora (e 300 chili di CO2) l’anno. [05] Non usare apparecchi a batteria (per es. rasoi, spazzolini elettrici) perché consumano più energia degli apparecchi elettrici alimentati da rete. Se puoi avere solo un apparecchio a batteria, almeno assicurati di ricaricarlo correttamente. Staccalo non appena la batteria si è caricata, usalo fin quando non è scarico e quando non può più essere usato, smaltiscilo negli appositi contenitori di rifiuti.

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO CHE FUNZIONANO

Le case moderne possono riscaldarsi più o meno autonomamente. Le migliori sono isolate così bene che la luce del sole più il calore corporeo di chi le abita possono creare una temperatura interna accettabile. E se fuori fa davvero freddo, possono accorrere in aiuto sistemi di riscaldamento alternativi. Emissioni di CO2 =zero. Un investimento in sistemi efficienti si ripaga nel tempo, anche nelle case più vecchie.
[01] La luce del sole e il calore corporeo sono tutto ciò di cui hai bisogno per la maggior parte delle tue necessità di riscaldamento se possiedi una casa passiva. Queste case sono isolate molto bene e hanno la maggior parte delle finestre rivolte a sud. [02] Gli impianti di riscaldamento a legna non sono la stessa cosa dei falò. Gli impianti moderni bruciano schegge o pellet di legno. Sono completamente automatici e possono riscaldare l’acqua di tutta la casa. Il bilancio di CO2 è neutro se il legno proviene da foreste sostenibili. [03] I collettori solari non forniscono solo l’acqua per lavarsi. Gli impianti di riscaldamento a energia solare in case ben isolate possono fornire tutto il calore necessario in primavera e in autunno e supportano il convenzionale impianto di riscaldamento in inverno. [04] Il biogas non viene usato solo in speciali impianti. Può essere distribuito anche nella normale rete del gas. Se bruciato in piccoli impianti di cogenerazione, fornisce sia elettricità che calore. [05] Il calore geotermico può fornire energia per il riscaldamento in diversi modi. Parecchie centinaia di migliaia di case hanno già impianti di riscaldamento che prelevano calore dal sottosuolo. Le pompe di calore usate per trattare il calore geotermico dovrebbero essere attivate soltanto da energia ecologica. Le centrali geotermiche producono sia elettricità che calore per il  teleriscaldamento.

tratto da GreenPeace l'Energia del futuro


You Might Also Like

0 commenti

Cerca nel blog