Il post più visualizzato

Una casa di 100 mq a 100.000 euro... E' un progetto già visto!

Sovraffollamento/Overcrowding

"Nel mercato dell'architettura l’Italia si colloca al secondo posto dopo la Germania, con un volume d'affari pari a 2,8 mili...

"Nel mercato dell'architettura l’Italia si colloca al secondo posto dopo la Germania, con un volume d'affari pari a 2,8 miliardi di euro. Nonostante ciò, la situazione degli architetti appare tutt’altro che rosea. Il motivo è l'alto numero di professionisti, che con 147 mila architetti rappresenta il 27%, quindi più di un quarto del totale europeo."
edilportale.com del 29/03/2013

Siamo decisamente in troppi e l'articolo dimentica di fare la conta tra i geometri, ingegneri, periti tecnici, designer, arredatori d'interni e chi più ne ha più ne metta. Andarsene sarebbe la soluzione più facile perché scappare dalle difficoltà è l'esercizio migliore per chi non ha la forza e le capacità per divenire profeta in patria. A una lettura più attenta la situazione non è tragica dato che a fare gli architetti non sono poi così tanti. Certo di laureati se ne sfornano ogni giorno in quantità ma, per fortuna o per disgrazia, coloro che sul serio lo diventano ( Architetti ) sono il 10% della cifra ufficiale. Forse esagero: sono anche meno. 
Fare architettura è qualcosa di molto vicino alla produzione formale e materica di un'idea, un atto di genesi artistica, sforzo sovrumano di solidificazione del pensiero. Quando il pensiero non c'è non sorge nessun dubbio, quando invece il pensiero emerge allora si ha la necessità di consolidarlo, di farlo nascere, di dargli forma e si sente il bisogno di divulgarlo. Quando si ha qualcosa da dire in architettura il difficile non è scriverne a riguardo, riempire pagine su pagine come fanno altrettanti saccenti, bensì l'atto più arduo risiede nel costruire un concetto. Si, difficile in Italia è edificare una vostra idea architettonica, nel vero senso della parola. Difficile è avere credibilità in giovane età dato che l'Italia è un paese di vecchi, professionalmente parlando ( anagraficamente constatandolo ). Difficile è avviare un'attività professionale facendo una spietata guerra tra poveri: professionisti confusi nei ruoli da ricoprire e nelle modalità con cui espletarli. Ma accade in Italia e continuerà ad accadere se non ci diamo una mossa.
Mi appello agli anagraficamente giovani  e a quelli giovani di spirito. Diamo il buon esempio è una sonora sculacciata a quest'Italia bella addormentata.
Ora è il momento buono per cambiare. Forse non ancora ma ci siamo quasi: non abbiamo ancora raschiato il fondo!

m.t.


"In the architecture market , Italy is in second place after Germany, with a turnover of 2.8 billion euro. Nevertheless, the situation of architects is anything but rosy. The reason is the high number of professionals, with 147 thousand architects accounts for 27%, and more than a quarter of the European total. "
edilportale.com of 29/03/2013

We are definitely too many and the article forgets to count among surveyors, engineers, technical experts, designers, interior decorators and so on and so forth. Leave Italy would be the easiest solution because escape from the difficulties is the best exercise for those who don't have the strength and ability to become a prophet in his own country. A closer examination of the situation is not so tragic, infact who become a really architect are not so many. Graduated sure churn out every day in quantity but, fortunately or unfortunately, those who are serious about becoming (Architects) are 10% of the official figure. Perhaps I exaggerate, they are also less.
Making architecture is something very close to the formal production and material of an idea, an act of artistic genesis, superhuman effort solidification of thought. When there is no thinking have no doubt, when thought show to us then you need to consolidate it, to let it be born, to give it shape and you feel the need to disclose it. When you have something to say in the architecture is not difficult to write about, filling page after page as do many pundits, but the act more difficult lies in a vision. It is difficult in Italy is to build your own architectural idea, in the true sense of the word. It is difficult to have any credibility at a young age because Italy is a country of old, professionally speaking (by birth constatandolo). It is difficult to start a business professional doing a merciless war between the poor: confused professionals in the roles to be filled and the way in which espletarli. But it happens in Italy and will continue to happen if we do not make a move.
I appeal to young people by birth and those young at heart. Let's set a good example is a sound spanking in this Italy Sleeping Beauty.
Now is a good time for a change. Perhaps not yet, but we're almost there: we still have not scraped the bottom!

You Might Also Like

0 commenti

Cerca nel blog